domenica 6 gennaio 2013

Riduzione della bolletta dell’energia elettrica nel 2013

Riduzione della bolletta dell’energia elettrica nel 2013


Come ogni anno la bolletta dell’energia elettrica va incontro a delle variazioni e come comunicato ufficialmente dall’Autorità dell’Energia, nel 2013 si registra una riduzione dell’1,4% per la bolletta dell’energia elettrica. Questo vuol dire che le famiglie italiane spenderanno in media ogni anno 7 € in meno per i consumi di corrente elettrica. I fattori determinanti per il risparmio si riferiscono alla diminuzione della “componente energia” pari a 3,6 punti percentuali, per via dei ribassi della materia prima riscontrati negli ultimi mesi.
In linea massima, parliamo di ribassi del prezzo nel mercato all’ingrosso che si erano già avuti a partire da dall’ottobre 2012.
Perché però la riduzione sarà dell’1,4% e non del 3,6%? Semplicemente per via dell’aumento delle tariffe di rete, aggiornate con un ritocco verso l’alto dello 0,5% e per via degli incentivi alle fonti rinnovabili, appartenenti alla categoria “A 3”, con un rialzo dell’1,7%. Questi ultimi due rialzi tengono a loro volta conto della diminuzione del gettito di tre regioni (Emilia Romagna, Lombardia e Veneto) a causa del terremoto del 20 maggio 2012.

L'Autorità ha poi aggiornato i valori relativi ai bonus assegnati alle famiglie a basso reddito. Sempre dall’1 gennaio 2013, il bonus elettrico (che vuol dire -20% sulla bolletta al netto delle imposte) garantirà uno sconto compreso fra 71 e 155 € (di più rispetto ai 63-139 euro erogati l’anno scorso). Con l’inizio dell’anno nuovo viene anche rinnovato il meccanismo del bonus elettrico per disagio fisico. Cos’è? Il bonus riservato ai malati che hanno bisogno delle apparecchiature elettromedicali. Lo sconto, compreso fra 176 e 636 €, si articola in 6 differenti importi variabili in termini di intensità d'uso e della potenza delle apparecchiature, oltre che per la residenza (l’anno scorso il bonus era fisso e pari 155 €). 
Infine, coloro che al 31/12/12 percepivano il bonus per disagio fisico possono fare richiesta per l’adeguamento retroattivo degli importi, a patto che la domanda venga presentata tra l’1 gennaio ed il 30 aprile di quest’anno.

Share This

Nessun commento:

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates