sabato 7 gennaio 2012

Casa e pensioni nei contenuti della manovra.

Casa e pensioni nei contenuti della manovra.

Oggi parliamo di alcuni contenuti principali della nuova manovra “salva-Italia”, i contenuti sono pensioni e casa. Dal 2012, l’età pensionabile è salita a 66 per gli uomini e di 62 anni per le donne, ma sarà aumentata progressivamente fino a raggiungere nel 2018 la parità. Si può andare in anticipo rispetto a questa età solo se si hanno 41 anni di contributi alle spalle per le donne, e 42 per gli uomini.

Solo per quest’anno, gli uomini potranno andare in pensione a 64 anni con 35 anni di contributi e le donne a 60 con 20 anni di contributi, molti non sanno che si può andare prima in pensione ma con tagli dell’ 1% per i primi due anni e del 2% per ogni ulteriore anno. Nella manovra è stata confermata l’indicizzazione per le pensione al di sotto dei 1400 euro e nessun aumento per quelle superiori, e ci sarà un contributo del 15 % per la parte eccedente delle pensioni oltre la cifra di 200.000 euro. Arriviamo al punto “ici” che viene sostituita con l’imposta municipale unica (Imu) sulla prima casa. L’Imu si paga sulle rendite catastale rivalutate di una percentuale del 60%, una aiuto positivo arriva dal punto che prevede detrazioni fino a 200 euro sulla prima casa e inoltre possono essere detratti 50 euro per ogni figlio a carico che non superi l’età di 26 anni. Ora riassumiamo in breve altri punti cruciali della nuova manovra.

Per esempio per tutti coloro che possiedono macchine potenti, pagano 20 euro in più per ogni kW di potenza che supera i 185 kW, la tassa sarà attuata anche su aerei privati, barche oltre i 10 metri ed elicotteri. Ci sarà un aumento della tassa sul tabacco trinciato e non sulle sigarette, già aumentate le tasse relative ai carburanti. Lo stipendio massima consentito nella pubblica amministrazione non potrà superare i 300.000 euro, chi ha un doppio incarico potrà aggiungere solo il 25% del secondo. Sono previsti 10.600 euro di deduzione per le aziende per ogni donna o giovane sotto i 35 anni assunti a tempo indeterminato mentre nel sud Italia la deduzione arriva a superare i 15.200 euro. Arriva anche la libertà di orario per gli esercizi commerciali e per i medicinali di fascia C che potranno essere venduti nelle parafarmacie e nei supermercati. Mentre come in molti già sanno, poiché se ne è discusso moltissimo, l’uso del contante è ammesso fino e non oltre i 1000 euro, e tracciabilità per i pagamenti superiori a questa cifra.
Share This

Nessun commento:

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates