domenica 21 maggio 2017

Come combattere l’umidità in casa

Come combattere l’umidità in casa

L’umidità è senz’altro un problema fastidioso, un ambiente umido è la condizione ideale per la formazione della muffa e ciò a lungo andare può non solo avere ripercussioni sulla struttura della vostra abitazione ma anche provocare problemi di salute (mal di gola, reumatismi).

Prima di venire a conoscenza dei modi in cui è possibile contrastare l’umidità, è utile imparare a prevenirla. L’umidità in casa si crea nel momento in cui l’ambiente risulta troppo impermeabile, per evitare che ciò si verifichi è sufficiente avere qualche accorgimento in più, ad esempio non lasciando asciugare per troppo tempo i panni in casa. Si raccomanda inoltre di preoccuparsi che ci sia una buona ventilazione degli ambienti, specie per cucina e bagni, in modo tale da evitare le formazioni di condensa (che si crea quando l’aria calda va a depositarsi su superfici fredde) e le infiltrazioni, dando vita quindi ad un più efficace isolamento termico.



Una volta presi questo genere di accorgimenti, per combattere l’umidità non sarà indispensabile acquistare un deumidificatore. Esiste la possibilità di costruire un deumidificatore naturale utilizzando nient’altro che un recipiente con del sale grosso, precedentemente raffreddato in frigorifero per almeno dieci ore.

CONDIZIONATORI E RISCHI PER LA SALUTE

Il Cloruro di sodio, infatti, conosciuto come sale da cucina, è un composto molecolare in grado di catturare le particelle d’acqua. Per 25mq sono necessari circa 150 gr di sale. Per evitare ulteriori sprechi ricordatevi che lasciar asciugare il sale (in forno, a 50 gradi per 15 minuti) ogni tre giorni potrà assicurarvi ulteriori utilizzi. Anche la calce viva garantisce un effetto assorbente, basterà riporla in una vaschetta e coprirla con un coperchio forato o un vecchio scolapasta per poi lasciarla agire. 

Un’alternativa valida sarebbe acquistare una lampada di sale dell’Himalaya, disponibile nei negozi di arredamento o di prodotti naturali oltre che online. Il prezzo della più piccola si aggira intorno ai 20 euro. Le bustine di silice, che normalmente troviamo nelle borse o nelle scatole di scarpe al momento dell’acquisto, contengono un gel di silice che ha funzione essicante, è in grado cioè di assorbire l’acqua dall’aria circostante al luogo dove viene collocato. Ovviamente la misura in cui questo rimedio risulta produttivo dipende dal rapporto quantità / peso, considerato che comunque 1kg di gel di silice può assorbire circa 400gr di acqua e che le bustine ne contengono pochi grammi.

E’ possibile comunque acquistarne in maggior quantità nei negozi specializzati nel Fai da te. Un aiuto può arrivarci anche dalle piante, che non solo donano una nota di colore all’arredamento ma possono purificare l’aria che respiriamo. Contro l’umidità generalmente si raccomandano piante come la Lingua di suocera, l’Aloe vera o l’Azalea. Attenzione ad annaffiarle soltanto quando necessario per evitare la formazione di ristagni d’acqua nei sottovasi.

Anche l'uso regolare dei termosifoni durante l'inverno aiuta, ti consigliamo di visitare il sito www.caldaiegcs.it
Share This

Nessun commento:

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates