giovedì 9 febbraio 2012

Combustibile dall'olio d'oliva

Combustibile dall'olio d'oliva

Nei campi di Calimera, in Puglia non saliranno più colonne di fumo nero in cielo, causate dai contadini che bruciavano all’aperto gli scarti di potatura degli ulivi, creando inquinamento., gli scarti verranno venduti ad un’azienda agricola, la “fiusis srl” . L’azienda brucierà gli scarti in un impianto di cogenerazione per poter ottenere energia elettrica e termica, con la sua caldaia riesce a scaldare un’azienda ottenendo molto risparmio, inoltre produce energia elettrica che viene rivenduta all’Enel. Grazie a questo progetto oltre ai vantaggi ambientali, offre un reddito ai coltivatori di olive acquistando gli scarti che prima dovevano smaltire loro stessi a spese proprie.

L’impianto riesce a lavorare con combustibile a chilometri zero, è in funzione da ottobre 2011 ed è in grado di produrre 1MW di energia elettrica e 4MW di energia termica ogni ora. L’energia pulita prodotta viene poi successivamente venduta all’Enel che la rilascia alla cittadina di Calimera con una tariffa conveniente. L’impianto è stato il frutto di un lungo percorso di progettazione, che ha testato le potature di ulivo nella caldaia per le prove della combustione, quindi dopo un’attenta valutazione sul grado di umidità, la pezzatura e le caratteristiche fisico chimiche dello scarto agricolo, il progetto viene portato a termine creando l’impianto.

Alla caldaia è stata collegata una turbina per la generazione dal calore di energia elettrica, quest’idea della generazione nello stesso impianto di energia elettrica e termica è un processo che ottimizza l’utilizzo del combustibile migliorando anche l’aspetto economico, in modo che la spesa dell’impianto può essere ammortizzata in pochi anni.
Share This

Nessun commento:

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates