venerdì 21 gennaio 2011

Cucine ad isola, rivoluzione dell'arredamento classico

Cucine ad isola, rivoluzione dell'arredamento classico

Sarà un po' per l'influenza di film e telefilm americani, sarà pure per moda, ma nell'arredamento dello spazio cucina sempre più stanno spopolando le cucine ad isola. Queste sono tutte quelle cucine in cui possiamo trovare un elemento centrale utilizzato in più modi, come bancone, ad esempio, piano di lavoro o semplice appoggio.


La cosiddetta isola, inoltre, può essere adattata a qualsiasi tipo di cucina, che sia lineare, a U o a L, contribuendo a cambiarne forma e morfologia. All'interno dell'isola possiamo collocare elettrodomestici e lavello, a condizione, però, che sia possibile portare dalle pareti al centro della stanza le varie tubature necessarie . È altrettanto importante che intorno al blocco centrale ci sia lo spazio necessario per potersi muovere, lavorare, aprire comodamente ante e cassetti disposte lungo le pareti dell'isola. Ecco perchè questa deve essere di dimensioni adeguate, dimensioni che sono comprese tra 60x90 e 120x120.


Più piccola risulterebbe di scarsa utilità, mentre più grande renderebbe poco comodo il movimento intorno. Come forma, generalmente, l'isola la si può trovare quadrata o rettangolare, anche se spesso abbiamo di fronte soluzioni di design, di forma curvilinea o comunque irregolare, realizzate su misura in base al gusto personale. Spostando ora l'attenzione al lato estetico della questione, ogni dettaglio del blocco centrale va estremamente curato, insieme a tutto quello che vi è posto sopra. Nel caso della presenza di un piano cottura, ad esempio, verrà collocata una cappa al centro della stanza, oggetto che diviene a questo punto elemento cardine dell'arredamento dell'intera cucina.

Cappa che può essere aspirante o filtrante. La prima necessita di essere messa in comunicazione con l'esterno e collegata alla canna fumaria, quella filtrante, invece, può essere si meno efficace, ma è indubbiamente di più semplice installazione dato che non necessita di collegamenti con l'esterno. Tutto lo spazio che invece troviamo sotto il piano d'appoggio è generalmente organizzato in contenitori con ante o cassetti, utili e necessari per riporre tutte quelle cose che servono in cucina. Questo spazio può essere, in alternativa, utilizzato per incassare un elettrodomestico che non troverebbe spazio altrove, come, ad esempio, la lavastoviglie.
Share This

Nessun commento:

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates